Archivio dell'autore: Redazione

Interpretare ruoli di responsabilità nelle organizzazioni, tra incertezze e complessità

2466860959_392732e61b_zOggi ricoprire ruoli di responsabilità in unità organizzative, con persone e su progetti significa spesso essere al centro di complessità molto rilevanti, che mettono alla prova sia le capacità interpretative che quelle di azione. Si tratta di una complessità che si esprime non solo nella molteplicità dei fattori da considerare e governare, ma anche sotto forma di contraddizioni, tensioni, pressioni e paradossi. Continua a leggere

Stare e muoversi nel cambiamento

14859431605_1fcfc06f74_zQuesto è il primo di una serie di contributi che mettono a tema i cambiamenti nelle organizzazioni, la loro precarizzazione, la difficoltà di costruire processi innovativi per contrastare le ricadute di una crisi che non è più congiunturale. L’intento di questi articoli è di proporre una strada crediamo utile per riconoscere le contraddizioni, i conflitti, le crisi, le fatiche e le sofferenze e provare a gestirle in modo più congruente con ciò che viene richiesto ai singoli nelle organizzazioni.

Continua a leggere

Singoli e lavoro nelle organizzazioni che producono beni e servizi

di Franca Olivetti Manoukian

Nelle organizzazioni lavorative è ed è considerata sempre più rilevante per la realizzazione di una produzione efficiente e efficace, la variabile costituita dalle persone. Non a caso nelle aziende sia pubbliche che private è spesso individuata una funzione denominata “Risorse Umane” o anche “Sviluppo organizzativo e Risorse Umane”: non costituisce soltanto una formulazione diversa di quello che un tempo era chiamato l’Ufficio Personale, che aveva compiti essenzialmente amministrativi, ma rappresenta una scelta significativa, anche se a volte più astratta che effettiva, di riservare specifica attenzione e di prevedere specifici investimenti perché chi lavora possa esprimere al meglio le proprie potenzialità. Alcuni sottolineano come si tratti di una dizione ambigua, perché il termine “risorse” potrebbe rimandare ad una rappresentazione semplificata che mette il cosiddetto fattore umano sullo stesso piano delle risorse finanziarie o materiali in un’ottica di “sfruttamento”. Ed è senz’altro probabile che siano ricorrenti tendenze di questo tipo. Ciò non toglie che alla componente “persone” , con vari intenti e con diverse declinazioni, si ritenga comunque di dover dare particolare considerazione. Continua a leggere

Problem setting: il 17 aprile un incontro in Studio

Formazione in StudioSpesso si osserva una tendenza ad evitare, spostare, scaricare i problemi. Sembra le persone non si appassionino a trattarli.

Molte sono le cause delle difficoltà ad assumerli come interessanti oggetti di lavoro: una visione prevalente del manager come risolutore, magari istantaneo, l’esigenza di favorire un’immagine di sé vincente, la mancanza di tempo per fermarsi a indagare e riflettere, il dare per scontate le definizioni dei problemi, un’eccessiva fiducia nelle tecniche, l’associazione tra problema, ricerca dell’errore e del “colpevole”. Continua a leggere

Ipotesi ed esperienze sul generare evoluzioni e opportunità nelle situazioni di crisi

photoIl 22 novembre 2013 si è tenuta a Milano la giornata di studio sul tema della generazione di evoluzioni ed opportunità nelle situazioni di crisi. Riproponiamo i video della giornata, per condividere anche con chi non è riuscito a partecipare innanzitutto le ipotesi, che come Studio APS abbiamo rielaborato grazie alle attività di consulenza, formazione, ricerca che sono state condotte nel corso dell’anno, sulla scia di quanto emerso anche dalla giornata di studio 2012 “Lavoro che c’è, lavoro che non c’è” e da quella 2011, la seconda su “Paure, fatiche, sofferenze e illusioni: ipotesi di intervento nelle situazioni di lavoro”. Continua a leggere

Una prima occasione di incontro per confrontarsi sulle ipotesi dell’Osservatorio: vi aspettiamo!

OSSERVATORIO PERMANENTE DI RICERCA E INTERVENTO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DI LAVORO

Il lavoro oggi tra benessere, malessere, stress e burn out

INVITO

Incontro aperto di presentazione

5 marzo 2014, ore 9.30 – 13.00

Milano, Via San Vittore 38/A Continua a leggere

A fronte di paure, fatiche, sofferenze ed illusioni ipotesi di intervento nelle situazioni di lavoro

Giornate di StudioNel corso della giornata di Studio del 2011 è stato affrontato il tema delle paure, fatiche, sofferenze e illusioni nelle situazioni di lavoro. Ed è fondamentale distinguere stress e fatiche. La fatica è uno degli esiti dell’impiego di energie, del lavoro volto a modificare la realtà, trasformare oggetti e problemi, comprendere persone, analizzare questioni. Mentre possiamo rappresentarci le sofferenze come fatiche sproporzionate alle risorse disponibili o, più specificatamente, frustrazioni e lacerazioni dell’immagine di sé collegate a imposizioni di cui s’è perso il senso o di cui non si condivide per nulla la finalità. Continua a leggere