Archivio tag: corruzione

Contrastare la corruzione, tra apparenze e realtà

Laboratorio di confronto sulla prevenzione del fenomeno corruttivo nelle organizzazioni sanitarie

Pubblichiamo un primo contributo di Franca Olivetti Manoukian sul tema in oggetto, in preparazione dell’incontro del 27 ottobre 2015 presso lo Studio APS.

Perché è interessante oggi riflettere e confrontarsi sulla cosiddetta “corruzione”?

Sappiamo che la corruzione è un fenomeno che esiste da sempre e dovunque: si tramanda cioè nei secoli e si espande nei continenti come componente irriducibile della vita di una società, come un’inflorescenza parassitaria che si sviluppa e si modifica di pari passo con lo stesso evolversi “fisiologico” di una convivenza collettiva. Oggi, a mio avviso, è interessante considerare con particolare attenzione come si manifesta, come viene percepita e come viene affrontata, perché può offrire interessanti elementi indiziari per capire meglio i cambiamenti in atto nel nostro paese. Si parla tanto di cambiamenti che si vorrebbero realizzare per fronteggiare vari malesseri che ormai da qualche anno si sono infiltrati fin nei microcosmi quotidiani di singoli e famiglie, minando stati di salute, condizioni di reddito, vicende lavorative, e gli stessi rapporti tra generi e tra generazioni. Forse non sembrano avverarsi questi mutamenti auspicati, ma siamo comunque immersi in movimenti evolutivi e/o trasformativi che proprio perché ci toccano e ci impegnano, non sono così immediatamente decodificabili e tanto meno gestibili. La corruzione, intesa come “rottura” di un funzionamento equilibrato, di legami consolidati entro un’organizzazione sociale, costituisce una “varianza”, una deviazione da ciò che abitualmente si pensa accada o dovrebbe accadere e si presenta come ambito di osservazione privilegiato dei rapporti tra individuo e società e dei nuovi assetti che questi vanno assumendo. Il punto di vista che propongo è collegato non solo e non tanto a messaggi che arrivano quotidianamente dai mass media ma a situazioni con cui direttamente e indirettamente vengo a contatto attraverso attività di consulenza organizzativa e formativa svolte a livello locale con servizi sanitari e sociali, con piccole imprese, con amministrazioni pubbliche e cooperative. E’ un campo di osservazione limitato, che può soltanto portare delle ipotesi, muovendosi in punta di piedi.

continuate a leggere qui