Percorsi di formazione

13182055973_f07bde7fee_bA che cosa serve la formazione?
Che cosa possiamo aspettarci da una attività formativa? Che cosa apporta o può apportare a livello individuale, organizzativo e collettivo?

Continuiamo a realizzare presso la sede dello Studio dei Seminari e dei Cicli di formazione perché pensiamo che siano tuttora diffuse delle attese da parte dei singoli e delle esigenze da parte delle organizzazioni lavorative di migliorare competenze nel capire che cosa succede nei contesti produttivi e nell’agire in essi in modo pertinente.

La domanda sul senso e sull’utilità della formazione va riproposta perché oggi in questo campo si incontrano quotidianamente acute contraddizioni. Da ogni parte viene sottolineato come una maggiore e migliore formazione sia condizionante per inserirsi nel mondo del lavoro e contemporaneamente si tagliano investimenti e risorse; viene richiamata la scarsa efficacia di corsi che trasmettono contenuti formalizzati e astratti e si continuano a realizzare iniziative che giustappongono docenze in sequenze lineari; si insiste sull’importanza della progettazione contestualizzata in riferimento a specifiche caratteristiche dei destinatari e si predispongono programmi a partire da contenuti disciplinari standardizzati; nella maggior parte delle situazioni lavorative vengono riproposti corsi di aggiornamento rivolti a rinforzare competenze tecniche specialistiche sostanzialmente riservando minor attenzione a capacità di comunicazione, gestione, cooperazione, coordinamento, che si pensa probabilmente siano soprattutto condizionate dal carattere dei singoli e pertanto difficilmente migliorabili; oppure si organizzano iniziative sulle tematiche del comportamento organizzativo introducendo strumentazioni “nuove” importate dall’estero, senza tentare di apprezzare che cosa è stato acquisito effettivamente in esperienze precedenti; è ricorrente il riscontro di una consistente distanza tra obiettivi che vengono attribuiti alle attività formative e investimenti in progettazione, in acquisizione di metodi e in modalità di conduzione e di verifica per raggiungerli.

Con i Seminari e i Cicli a partecipazione individuale si intende offrire a persone che lavorano con diversi ruoli all’interno di aziende, ospedali, enti locali, cooperative o che intervengono come consulenti e formatori, delle opportunità di accrescimento di competenze rispetto a aree problematiche sempre più complesse e condizionanti per la produzione di beni e servizi e solitamente gestite in modo inadeguato e incongruente. Sono competenze sottovalutate nei percorsi professionali tradizionalmente consolidati e raggiungibili attraverso modalità di apprendimento inusuali, per lo più impraticabili nei contesti istituzionali scolastici e universitari.
Per questo vengono istituiti dei setting formativi ad hoc caratterizzati da partecipazione a piccoli gruppi, da accompagnamenti ravvicinati con colloqui individuali e con valorizzazioni delle esperienze di ciascuno, da presentazione di contenuti mirati, da sperimentazioni diretta di situazioni critiche attraverso vari tipi di strumenti formativi, da verifiche in itinere.
Contestualmente all’iscrizione è previsto un colloquio con il conduttore del Seminario o del Ciclo per verificare motivazioni e attese e precisare impostazione e svolgimento dell’iniziativa.

I Seminari e i Cicli proposti dallo Studio sono periodicamente riprogettati da uno staff di professionisti che analizza gli esiti e i riscontri valutativi forniti dai partecipanti al termine delle singole iniziative e anche a distanza di tempo.

Il contenuto di queste pagine

In queste pagine saranno inserite le iniziative formative che via via saranno attivate, in senso cronologico. Le informazioni strutturate, su tutte le iniziative formative dello Studio APS come da catalogo sono disponibili consultando il sito istituzionale qui.

La prima e prossima sarà il seminario “Riconoscere e gestire i conflitti nei gruppi e nelle organizzazioni“, in avvio il 10 giugno 2015.